supporto psicologico alle problematiche dell’adolescenza

· Sportello psicologico d’ascolto

Per favorire il superamento delle criticità adolescenziali che spesso incidono sulla qualità del processo di apprendimento, si propone un intervento mirato alla promozione del Benessere a scuola. Con scansione monosettimanale, per 2/3 ore, in ogni sede è presente una psicologa che, previo appuntamento, riceve l’adolescente. Naturalmente per poter accedere al servizio viene richiesta l’autorizzazione alle famiglie degli allievi. Per la realizzazione del suddetto sportello, l’Istituto si avvale della collaborazione della cooperativa “ Fraternità e Amicizia”.

 

· Educazione tra pari 

In un’ottica di benessere integrale, che concerne gli ambiti fisici, psicologici e relazionali, lungo tutto l’anno scolastico, vengono offerti agli studenti, in maniera mirata in rapporto all’età anagrafica, incontri ed interventi con vari esperi: medici, psicologi, operatori della salute e della prevenzione. La principale finalità delle attività di educare alla salute è quella di formare studenti ad uno stile di vita che preveda l’assunzione di comportamenti responsabili a tutela della salute propria e altrui, in relazione alla prevenzione delle malattie più diffuse e dei disturbi dell’ambito psicologico e relazionale e che permetta di affrontare in modo sereno i conflitti dell’età adolescenziale, evitando il coinvolgimento in comportamenti devianti, affinando la conoscenza di sé, del proprio corpo, delle proprie capacità di migliorarsi e accettarsi, anche grazie alle attività previste dall’intervento proposto dall’ASL-MI denominato Educazione tra Pari.

 

· Cyberbullismo

Il bullismo in rete è un processo che coinvolge gli adolescenti anche in ambiente scolastico e la scuola, in sinergia con le famiglie, può intervenire, per garantire un’efficace azione di prevenzione e di informazione. Il progetto ha l’obiettivo di consapevolizzare i ragazzi non solo sulla pericolosità dell’utilizzo di spazi virtuali in cui possono verificarsi atti di bullismo, ma anche sulla portata delle conseguenze.

OBIETTIVI

Sensibilizzare gli alunni circa il fatto che le chat e i social network sono spazi virtuali in cui possono verificarsi atti di bullismo Informare gli alunni sui concetti di spazi privati e pubblici in rete

Rendere consapevoli gli alunni sulle conseguenze relative all’utilizzo scorretto dei social network

Consapevolizzare i ragazzi sugli strumenti e i meccanismi a disposizione per proteggersi contro ogni forma di cyberbullismo.

FINALITA’

Prevenire l’attuazione di atteggiamenti scorretti nell’utilizzo della rete

Individuare i comportamenti a rischio

Aiutare ed orientare gli eventuali soggetti a rischio verso risorse adeguate

POSSIBILI INTERVENTI

Si richiederà un intervento informativo da parte della Polizia Postale e/o dell’Ufficio Minori della Questura di Milano.